Cresce il mercato discografico italiano.

Buone notizie per il mercato discografico italiano che nel primo semestre 2015 ha registrato un incremento complessivo del 22% rispetto allo stesso periodo del 2014, arrivando a 65,5 milioni di euro (nel 2014 lo stesso mercato ne aveva generato 53,6 milioni).

E’ quanto emerge dai dati ufficiali Deloitte per FIMI (la Federazione dell’industria musicale italiana), diffusi ieri. In particolare, il segmento CD è cresciuto del 21%, trainato dall’ottima performance del repertorio locale (+93%). L’intero comparto fisico rappresenta il 57% del mercato con 37,3 milioni di euro. Il trend è positivo anche per la musica classica, in aumento del 19%, e per il vinile che, grazie all’e-commerce, sale del 72% e rappresenta oggi il 4% del mercato.
Nel digitale, la performance degli album ha favorito la crescita del download totale con un +6% (10,8 milioni di euro). Lo streaming (audio e video), che arriva a rappresentare il 26% di tutto il mercato discografico e il 62% del digitale, è cresciuto complessivamente del 37% con 17,3 milioni di euro. Il digitale, per intero, ha generato 28,1 milioni di euro e costituisce il 43% del mercato.

Fonte: SIAE

Condividi

Autore

NoteLegali

Note Legali, Associazione italiana per lo studio e l'insegnamento del diritto della musica, è una associazione senza scopo di lucro nata con lo scopo principale di insegnare a musicisti, operatori del settore e appassionati, i diritti di chi fa musica. Fondata a Bologna nel 2006, è la più importante struttura no profit italiana di formazione e consulenza legale in ambito musicale, con associati di ogni regione e di ogni livello professionale.