Gestione e recupero dei compensi IMAIE e Nuovo IMAIE



Un’attività innovativa e utile, prima e unica in Italia, creata per spiegarti il tuo diritto a percepire un compenso per l’utilizzazione della registrazione fonografica contenente la tua esecuzione, e finalizzata ad aiutarti ad incassare tale provento dall’IMAIE in Liquidazione e dal Nuovo IMAIE.

Se hai suonato in almeno una registrazione musicale pubblicata in forma fisica (con bollino SIAE destinazione vendita) sei certamente un avente diritto e ti aiuteremo gratuitamente a recuperare i tuoi compensi per il diritto di copia privata per uso personale e per il diritto di comunicazione al pubblico. Se vuoi ulteriori informazioni su questi diritti clicca sui link precedenti.

Attualmente vi sono due distinti istituti presso i quali andare a recuperare le somme a te dovute per tali diritti:
1) l’IMAIE in Liquidazione che si occupa delle utilizzazioni avvenute fino al 14 luglio 2009.
2) il Nuovo IMAIE che invece si occupa delle utilizzazioni avvenute dopo il 15 luglio 2009.
Noi interagiamo con entrambe le strutture, con un rapporto costante e continuativo, al fine di permettere ai nostri associati di recuperare ogni centesimo a cui hanno diritto.

Cosa farà Note Legali per te?
1) Compilerà il “Modulo di segnalazione del repertorio”: un foglio digitale contenente tutti i dati relativi alla tua esecuzione;
2) Affiderà a tecnici specializzati la digitalizzazione delle parti grafiche, da te fornite, di tutti i supporti fisici in cui ha suonato, per provare che sei un avente diritto;
3) Verificherà che il “Modulo di segnalazione del repertorio” e le parti grafiche vengano consegnate da tale personale tecnico agli uffici dell’IMAIE in Liquidazione e del Nuovo IMAIE;
4) Consegnerà la modulistica compilata personalmente a Roma;
5) Terrà i rapporti con gli uffici di IMAIE in Liquidazione e del Nuovo IMAIE facendo tutte le verifiche necessarie a identificare l’importo dei compensi maturati e il corretto evolversi della pratica;
6) Si occuperà di controllare che il tuo repertorio venga correttamente elaborato e abbinato alle utilizzazioni dei fonogrammi, segnalando eventuali errori o omissioni;
7) Ti comunicherà l’ammontare del compenso da te maturato e, non appena sarà pronto per l’incasso, si preoccuperà di predisporre e consegnare la documentazione fiscale in modo tale che TU STESSO possa ricevere direttamente sul tuo conto corrente le somme a te dovute.

Quanto ad IMAIE in Liquidazione, Note Legali è la prima ed unica struttura in Italia ad avere concordato con gli uffici sin dal 2008 un protocollo di lavoro per permettere l’individuazione dei compensi dei musicisti.

L’attività è totalmente gratuita e non prevede alcuna provvigione, ed riservata agli associati a Note Legali, . Non sei ancora iscritto? Che aspetti? ADERISCI ORA A NOTE LEGALI!!!

Con riferimento a Nuovo IMAIE, Note Legali ha assistito alla fondazione dell’istituto ed è presente nel Comitato Consultivo di assistenza e controllo del Nuovo IMAIE, dove, attivamente, ha contribuito alla redazione delle prime regole di funzionamento dell’ente (regolamento di iscrizione, regolamento di ripartizione, regolamento elettorale), riuscendo a garantire per la prima volta agli artisti comprimari il 50% del valore di ciascun fonogramma. Inoltre, la lista promossa da Note Legali “Artisti per gli Artisti”, ha vinto le elezioni del Nuovo IMAIE svoltesi il 7 e 8 aprile 2013 con il 75% dei consensi: oggi quindi l’Istituto è sotto la guida della maggioranza politica della quale fa parte Note Legali.

È necessario iscriversi a Nuovo IMAIE per incassare i propri compensi?
No, non lo è. Riteniamo tuttavia che l’iscrizione (gratuita) sia un vantaggio, rispetto a un semplice mandato, perché ti dà l’opportunità di accedere alle convenzioni e iniziative svolte solo a favore dei soci, nonché avere diritto all’elettorato attivo e passivo. Leggi questo articolo esplicativo: Nuovo IMAIE, 10 buoni motivi per iscriversi.

È necessario iscriversi a Note Legali per incassare i propri compensi da Nuovo IMAIE?
No, non lo è. Puoi sempre procedere in totale autonomia.
Note Legali, che ha lo scopo di tutelare gli artisti della musica, è stata l’associazione che, dal 2008, per prima ha tracciato una strada utile a individuare gli artisti comprimari, facendo avere loro quanto mai precedente ricevuto sino a quel momento.
Ora che la strada è segnata a vantaggio di tutta la categoria, Note Legali è d’aiuto ai propri soci nella comprensione dei propri diritti, nell’aiutarli a pulire il proprio repertorio e a verificare che sia correttamente individuato, favorendo la corretta ripartizione dei propri compensi da parte di Nuovo IMAIE.
Si ricorda, peraltro, che Note Legali, proprio per i suoi scopi statutari, considera questa attività di aiuto come secondaria rispetto allo scopo sociale dell’associazione, che rimane quello di promuovere la qualificazione, il miglioramento professionale, la tutela e lo sviluppo di nuove opportunità, dei suoi soci nel campo della musica e dello spettacolo.

Come procedere al recupero dei compensi da IMAIE in Liquidazione e da Nuovo IMAIE?

1) Se già non lo hai fatto, ASSOCIATI A NOTE LEGALI. Si fa in 5 minuti.

2) GRAFICA COME PROVA:
Forniscici la grafica dei dischi pubblicati in cui hai suonato o il supporto fisico stesso. E’ necessario consegnare copertina, retro del disco, pagine del libretto contenenti i crediti in cui appaiono i nomi di tutti i musicisti/cantanti che hanno partecipato alle incisioni come esecutori o membri della band, perché è la prova da fornire.
Se vuoi inviarci tu la grafica fai una scansione a colori in buona definizione (leggibile) di tali parti grafiche come pdf a colori. L’elenco va inviato in posta all’indirizzo recuperocompensi@notelegali.it.
Diversamente consegnaci o spediscici i dischi e provvederemo a consegnarli a personale esterno specializzato. Per la restituzione dei dischi a fine lavoro ci metteremo d’accordo (eventuali spedizioni saranno a tuo carico).
Ricorda che contano solo i dischi in cui hai suonato o cantato e non quelli in cui hai ricoperto ruoli quali arrangiatore, autore o produttore (a meno che in quei dischi tu non abbia anche suonato).
La grafica che ci fornirai verrà utilizzata sia per recuperare i tuoi compensi presso il Nuovo IMAIE che presso l’IMAIE in Liquidazione.
È necessario che questa documentazione ci sia data il prima possibile. Ti daremo in altre mail, suggerimenti su come recuperare i dischi.

3) COMPILA E SPEDISCI LA DOCUMENTAZIONE.
È la parte burocraticamente più complessa… ma è uno sforzo che vale la pena fare, coraggio!

1. Scarica la modulistica:

Modulistica del Nuovo IMAIE (clicca qui per scaricare lo zip):
a) Modello di delega a Note Legali (Domiciliazione). Ti chiediamo di darci la delega per procedere a seguire ogni pratica presso Nuovo IMAIE per te: consegna di documenti, richiesta di chiarimenti, elaborazione dati, ecc.;
b) Modello di scheda di iscrizione. L’iscrizione al Nuovo IMAIE non è necessaria per recuperare i propri compensi. Tuttavia è consigliabile in quanto, oltre ad essere gratuita, da diritto sia al voto, che ai servizi mutualistici forniti dall’ente;
c) Modello di recupero dei compensi all’estero (facoltativo).

Modulistica dell’IMAIE in Liquidazione (qui per scaricare lo zip):
a) Delega a Note Legali per trattare con l’IMAIE e occuparsi della tua pratica;
b) Consenso al trattamento dei dati personali IMAIE;
c) Se fai parte del gruppo musicale (band) e non sei semplicemente “turnista” in determinati brani, devi anche scaricare e compilare l’Autodichiarazione e Scheda informativa del gruppo musicale;
d) Se utilizzi uno pseudonimo o un nome d’arte nella tua attività devi anche scaricare e compilare l’Autodichiarazione per l’utilizzo di uno pseudonimo.

2. Compila la documentazione: in caso di necessità contattaci. La compileremo insieme!

3. Invia la documentazione compilata in originale e una fotocopia della tua carta di identità per posta a:

Recupero Compensi IMAIE
c/o NOTE LEGALI
Via degli Orti, 44
40137 Bologna

Riceverai una mail di conferma dell’arrivo della documentazione.
Fatte queste pratiche una prima volta, mano a mano che vedrai pubblicato un disco in cui hai suonato ti sarà sufficiente inviare copia del disco a Note Legali, al resto penseremo noi!

Quando incasserò i miei compensi?

Attualmente vi sono due distinti istituti presso i quali andare a recuperare le somme a te dovute:

1) l’IMAIE in Liquidazione che si occupa delle utilizzazioni avvenute fino al 14 luglio 2009. Questo ente è in liquidazione appunto (cioè una sorta di fallimento forzato). Al momento ha liquidato una parte dei compensi sino al 2006. Ha inoltre comunicato, nell’ottobre-novembre 2013, i compensi emersi per talune utilizzazioni degli anni 2007 e 2008, per i quali un anticipo del 70% è già disponibile per l’incasso da giugno 2014, mentre il restante 30% non è stato ancora sbloccato. Nel 2015, dovrebbero invece venire calcolati i compensi degli anni 2008 (rimanenti) e 2009 (sino al 14 luglio, giorno di estinzione dell’ente, da quella data infatti è competente Nuovo IMAIE). Nel corso del 2015 verrà finalmente riconteggiato tutto il repertorio fornito da Note Legali, il quale farà emergere i compensi anche per gli anni antecedenti che non sono ancora stati calcolati. È certo che riusciremo a recuperare i tuoi compensi per tali ultimi anni (2007-2009). Sei invece in ritardo per recuperare i compensi relativi agli anni antecedenti (1992-2006 per la copia privata per uso personale e 1975-2006 per la comunicazione al pubblico), ma cercheremo di aiutarti ad ottenerli. I tempi sono abbastanza lunghi, ma non dipendono dal nostro lavoro (elaboriamo e consegniamo il materiale dei soci a cadenza mensile a Roma), ma dalla procedura di liquidazione.

2) il Nuovo IMAIE che invece si occupa delle utilizzazioni avvenute dopo il 15 luglio 2009. È un ente, nuovo, che eredita le funzioni del precedente, ma vi è totale discontinuità con le inefficienze di IMAIE in Liquidazione.
In proposito, ti invitiamo a leggere questi articoli:
Nuovo IMAIE, 10 buoni motivi per iscriversi
Il Nuovo IMAIE torna nelle mani degli artisti

Le ripartizioni della musica sono programmate a cadenza semestrale (gennaio e luglio) di ciascun anno.

Noi interagiamo con entrambi le strutture, con un rapporto costante e continuativo, al fine di permettere ai nostri associati di recuperare ogni centesimo a cui hanno diritto.

Cosa sono i diritti a compenso degli Artisti Interpreti Esecutori?

I diritti a compenso spettano agli artisti interpreti ed esecutori e dipendono in via generale dalle utilizzazioni dei fonogrammi contenenti le loro esecuzioni.

Da dove provengono questi compensi?

1) Diritto di copia privata per uso personale – Consumatori finali > Gli artisti interpreti ed esecutori hanno diritto ad un compenso per quelle riproduzioni effettuate in ambito privato, e cioè da una persona fisica su qualsiasi supporto, per uso esclusivamente personale, senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali. Una parte del costo del cd vergine o della memoria di massa (Ipod o lettore mp3) acquistato viene destinata agli artisti a retribuzione di tutte le riproduzioni (legali) della loro musica in ambito domestico non quantificabili altrimenti.

2) Diritto di comunicazione al pubblico. Indipendentemente dalla commercializzazione della registrazione (quanti dischi venduti), ogni qualvolta l’opera registrata viene diffusa attraverso un “media” (al cinema, in radio, in tv, via satellite, via cavo o, grazie a un impianto di diffusione in un qualunque luogo pubblico, come un bar, un pub, un ristorante, una discoteca, un centro commerciale, un parco di divertimenti, un negozio, un aeroporto, un parcheggio, etc), ciò genera compensi per l’artista interprete ed esecutore.

Alcune domande su IMAIE in Liquidazione

È vero che l’I.M.A.I.E. è stata dichiarata estinta?
Si. Constatato il perdurare nel tempo delle disfunzioni nella gestione dell’I.M.A.I.E., la sua persistente inidoneità e incapacità definita “strutturale e non contingente” a perseguire gli scopi statutari e constatata, in ultimo, l’impossibilità per l’I.M.A.I.E. di raggiungere tali scopi, con Decreto del Prefetto di Roma del 30 aprile 2009 n.33902/606/2009 Area IV – URPG è stato dichiarata l’estinzione dell’Ente.

Perché l’I.M.A.I.E. è stata dichiarata estinta?
In I.M.A.I.E. si è creato col tempo un empasse politico che non permetteva agli organi sociale di riprendere correttamente l’attività democratica all’interno dell’ente. A questo si sono aggiunte le indagini penali (attualmente in corso) per gravi irregolarità riscontrate nell’assegnazione dei fondi art. 7 relativi all’anno 2007 che coinvolgono anche amministratori dell’I.M.A.I.E., le stesse irregolarità che come conseguenza hanno avuto il blocco dei bandi art. 7 per il 2008 ed il 2009. La ricostruzione dei fatti che ha portato all’estinzione dell’ente sono tutte ben riassunte nella relazione del Decreto del Prefetto di Roma, dove vengono messi in evidenza le responsabilità degli organi sociali dell’I.M.A.I.E. Le informazioni contenute in tale atto sono assolutamente ufficiali. È possibile leggere il documento integrale a questo link
Ti consigliamo anche di vedere la video inchiesta “Una scomoda verità”.

Che conseguenze ha tale estinzione?
Con l’estinzione di un ente tutti gli organi sociali si sciolgono e viene nominato un liquidatore che provvede a gestire l’ente (come una sorta di amministratore unico), al fine di recuperare i debiti che I.M.A.I.E. in Liquidazione ha, e pagare i creditori (cioè gli artisti). Il 18 maggio 2009 il Presidente del Tribunale ordinario di Roma, ha nominato quali commissari liquidatori dell’Ente, l’avvocato Giovanni Galoppi – già Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti – a cui attribuisce funzioni di impulso e di coordinamento della struttura, il professore Enrico Laghi e l’avvocato Giuseppe Tepedino. Ai nominati liquidatori spettano poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione con decisioni collegiali. Difficile dire ad oggi quando ufficialmente l’I.M.A.I.E. in Liquidazione chiuderà i battenti, ma non riteniamo lo faccia sino al 2015.

Riusciremo a incassare i nostri compensi?In questo senso, i nostri associati possono stare tranquilli. Il lavoro svolto degli uffici di I.M.A.I.E., e in particolare il lavoro di ripartizione e liquidazione dei compensi degli artisti interpreti ed esecutori, prosegue regolarmente. Anzi, con maggiore impegno, stante l’urgenza di liquidare a più artisti possibili, quanto di loro spettanza. Note Legali si sta impegnando affinché gli oltre 500 soci che hanno conferito delega all’Associazione incassino quanto di loro spettanza prima della chiusura dell’ente. Da questo punto di vista gli uffici di I.M.A.I.E., come sempre, ci stanno dando la massima collaborazione. Il pagamento dei compensi antecedenti al 14 luglio 2009, dovrebbe essere effettuato nel corso del 2014.

Che ne è stato delle funzioni svolte da I.M.A.I.E?L’I.M.A.I.E. ha svolto il suo ruolo di gestione collettiva in forza di norme di legge (L.93/92). La Legge 10/100 ha conferito al Nuovo IMAIE, costituito il 12 luglio 2010, il compito di proseguire il lavoro di I.M.A.I.E. in Liquidazione, per quanto concerne le utilizzazioni che hanno avuto luogo dopo il 15 luglio 2009. Il Nuovo IMAIE è una associazione fondata da artisti, gestita da organi sociali eletti e composti da artisti. L’iscrizione, per il momento non obbligatoria per incassare i propri compensi, è gratuita.
Oltre al lavoro di ripartizione, il Nuovo IMAIE punta a dare servizi utili ai propri soci: sono in via di definizione convenzioni e sconti con assicurazioni o strutture.
Anche il Nuovo IMAIE svolge attività mutualistica, cioè volta alla tutela e all’assistenza di tutta la categoria (anche dei non iscritti). Deve, infatti, destinare per legge (art. 7, L. 93/92) i compensi spettanti ad artisti che non sono stati individuati, decorsi tre anni dalla pubblicazione del credito sul sito del Nuovo IMAIE, per le attività di studio e di ricerca nonché per i fini di promozione, di formazione e di sostegno professionale degli artisti interpreti o esecutori.
Lo scopo del Nuovo IMAIE non è fare denaro o arricchire qualcuno (come nel caso delle società private), ma svolgere al meglio il compito che la legge gli ha conferito: ripartire correttamente i compensi e svolgere attività mutualistica.
Il Nuovo IMAIE opera sotto la vigilanza del Governo (Beni Culturali, Lavoro, Presidenza del Consiglio), proprio per evitare quanto successo col precedente Istituto e a garanzia di tutta la categoria.
Il Nuovo IMAIE ha una totale discontinuità col “vecchio” IMAIE, sia a livello gestionale, che di regole, che a livello di risultati.

Quali prospettive, quindi?
Note Legali consiglia fortemente a tutti i propri soci di muoversi in tal senso, segnalando a tutti i musicisti conoscenti l’esistenza di tale possibilità. IMAIE in Liquidazione farà soltanto un nuovo aggiornamento dello stato passivo nel corso del 2014. Meglio muoversi per fornire i propri dati perché vengano conteggiati nella prossima ripartizione, che aspettare la chiusura definitiva dell’ente e non avere più garanzie rispetto ai tempi di incasso.

Condividi