Firmata la convenzione SCF – UNPLI

SCF, il consorzio che in Italia rappresenta l’industria discografica nella raccolta dei compensi per i  diritti connessi discografici, annuncia la firma di una convenzione con UNPLI (Unione Nazionale delle Pro Loco d’Italia) rivolta alle oltre 5.500 Pro Loco associate.
 
L’accordo definisce termini e condizioni tariffarie agevolate per il pagamento del compenso, da riconoscere attraverso SCF, ad artisti e case discografiche per l’utilizzo in pubblico di musica registrata da parte delle Pro Loco, nell’ambito di eventi e manifestazioni organizzate a fini istituzionali e di promozione turistica.
 
L’intesa raggiunta oggi con UNPLI conferma l’impegno da parte del mondo delle istituzioni nei confronti  della tutela e gestione dei diritti discografici. Questo  risultato riafferma la bontà di un percorso avviato da tempo dal nostro consorzio, reso possibile grazie alla creazione di rapporti di collaborazione con associazioni di categoria del mondo delle imprese, enti no profit  e istituzioni, sempre più attenti al rispetto delle norme che regolano l’utilizzo in pubblico di musica registrata”, commenta Saverio Lupica, Presidente di SCF Consorzio Fonografici. “Ringraziamo UNPLI perché si è rivelato un partner estremamente disponibile e vicino ai “nostri temi” per sensibilità culturale; siamo certi che condividerà con noi l’impegno volto a promuovere presso i propri associati la progressiva diffusione della cultura dell’utilizzo di musica nel rispetto della legalità”.
 
L’Unpli conferma con questo accordo significativo e fondamentale per la propria attività, la propria linea di rispetto della legislazione vigente e la propria totale disponibilità a collaborare con gli enti preposti per la migliore soluzione di tutti i problemi – ha dichiarato il Presidente nazionale dell’Unpli Claudio Nardocci – e bene ha detto il Presidente di SCF Saverio Lupica a proposito della nostra sensibilità culturale che non può che essere legata inscindibilmente al rispetto delle regole”.
 
SCF CONSORZIO FONOGRAFICI
SCF è il consorzio che gestisce in Italia la raccolta e la distribuzione dei compensi, dovuti ad artisti e produttori discografici, per l’utilizzo in pubblico di musica registrata, come previsto dalla legge.
Le direttive dell’Unione Europea e la legge sul diritto d’autore, riconoscono e tutelano, infatti, sia i diritti degli autori che compongono i brani (gestiti da Siae), sia i diritti dei produttori e degli artisti che realizzano le registrazioni musicali.
In Italia gran parte delle case discografiche esercita tali diritti tramite SCF, consorzio composto da oltre 300 case discografiche che  raccoglie i compensi relativi all’utilizzo in pubblico di musica registrata e successivamente provvede a distribuirli ad artisti e produttori.
SCF gestisce i contratti per l’utilizzo del repertorio discografico nazionale e internazionale pubblicato in Italia, facilitando i rapporti tra chi produce e chi utilizza musica. Attraverso il rilascio di un’unica licenza, SCF offre infatti la possibilità di diffondere in pubblico il repertorio musicale di tutte le case discografiche rappresentate, nel rispetto di quanto stabilito dalla legge.

Fonte: SCF

Condividi

Autore