Firmato il decreto legge sul nuovo IMAIE

E’ di pochi giorni fa la firma del Presidente Napolitano al decreto recante “Disposizioni urgenti in materia di spettacolo e attività culturali”, contenente l’articolo dedicato al futuro di IMAIE – Istituto Mutualistico Artisti Interpreti Esecutori. Sono molti gli aspetti rilevanti contenuti nel provvedimento, ecco i principali:

1. Al fine di assicurare la realizzazione degli obiettivi previsti dalla legge, viene costituito dagli artisti interpreti esecutori – assistiti dalle organizzazioni sindacali di categoria – un nuovo IMAIE, sul quale vigileranno il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero dei beni e delle attività culturali, e la Presidenza del Consiglio – Dipartimento per l’informazione e l’editoria.
2. Tutto il personale di IMAIE in liquidazione viene trasferito nel nuovo Istituto, che ne erediterà i compiti e le funzioni (a decorrere dal 14 luglio 2009). Una buona notizia quindi per i lavoratori dell’ente, che vedranno salvi i propri posti di lavoro.
3. Al termine della procedura di liquidazione di IMAIE, verranno trasferiti al nuovo ente l’eventuale residuo attivo e i crediti maturati
4. Nel sito del nuovo IMAIE verranno pubblicati per 1095 giorni i nomi degli aventi diritto ai compensi, distinti per ciascun trimestre, con l’indicazione – per ciascun avente diritto – del periodo cui si riferisce il compenso e del produttore di fonogrammi che ha versato lo stesso.

Alla luce di questa ufficializzazione delle nuove norme, acquista ancora più importanza il convegno che Note Legali organizza per il 17 maggio a Bologna nell’ambito del Music Italy Show (ore 15, Sala Bolero del Quartiere Fieristico). “Il caso IMAIE: presente e futuro dei diritti degli Artisti Interpreti Esecutori” rappresenta infatti l’occasione per riunire artisti e forze sindacali, al fine di elaborare proposte da presentare entro i sessanta giorni dalla conversione in legge del decreto.

Oltre a informare gli artisti sull’esistenza del diritto connesso e sull’operatività di IMAIE (quale ente incaricato di raccogliere e ripartire i compensi maturati dagli artisti), l’evento ha infatti lo scopo di promuovere un confronto costruttivo tra le parti in causa, al fine di individuare sinergie e proporre eventuali modifiche al decreto in sede di conversione in legge.

In questi giorni l’Associazione ha ricevuto altre due importanti conferme: al convegno parteciperanno anche Maurizio Feriaud di SAI CGIL, e Pierluigi Salvagni di UNdA UILCOM, a completare il quadro delle organizzazioni sindacali di categoria maggiormente rappresentative a livello nazionale. Si aggiungono infatti a Michele Massimo Pontoriero (Segretario Generale FELSA CISL S&C Spettacolo e Comunicazione), Danilo De Girolamo (ANAD), Benedetta Buccellato (ApTI – Associazione per il Teatro Italiano), rappresentanti del CLLAIE (Comitato Liberi Lavoratori e Artisti IMAIE), nonché al Direttore Generale di IMAIE in liquidazione Maila Sansaini e al Direttore di Musica e Dischi Mario De Luigi.
 
Note Legali rinnova l’invito a partecipare all’incontro, per informarsi correttamente sulla situazione in atto e contribuire ai cambiamenti futuri. Vi aspettiamo inoltre presso il nostro stand al Music Italy Show, ottima occasione per incontrarsi e conoscersi!

E’ possibile visionare il testo integrale del Decreto Legge, contenente anche disposizioni per il riordino del settore lirico-sinfonico, e in materia di attività culturali e cinematografiche, cliccando sul sito della Gazzetta Ufficiale.

Condividi

Autore