Note Legali al MEI 2008: una partecipazione attiva e costruttiva per il miglioramento del settore musicale.

In occasione della dodicesima edizione del MEI- Meeting delle Etichette indipendenti che si è tenuta lo scordo week-end presso la zona fiera di Faenza, Note Legali ha partecipato attivamente a numerosi incontri ed eventi, portando il suo contributo al miglioramento del settore musicale.
Il Presidente di Note Legali, Andrea Marco Ricci, ha partecipato alla tavola rotonda organizzata dal mensile di settore “Musica e Dischi” a proposito del tema “Esproprio Tributario: il caso Enpals e il ruolo del musicista oggi”, ove è intervenuto come relatore e ha presentato agli addetti ai lavori e ai parlamentari presenti (on. Giuliano Cazzola e on. Pina Picierno) alcune soluzioni possibili per definire in modo migliore la previdenza dovuta ai musicisti in sala di incisione.

Note Legali, nella persona del suo Presidente, è stata anche invitata a intervenire alla presentazione della ricerca valutativa sull’attività formativa del Centro Musica di Modena “Lavorare con la Musica”, ed ha partecipato all’incontro organizzato dalla SIAE dal titolo “I ragazzi devono sapere”, insieme a Filippo Gasparro (SIAE), Mario De Luigi (Musica & Dischi), Renato Marengo e Michael Pergolani (DemoRai).

Note Legali ha inoltre proposto due seminari aperti al pubblico dal titolo “Diritti a compenso IMAIE: come incassare i proventi come recording artist”. Nel corso del duplice incontro è stato illustrato il ruolo e la funzione dell’IMAIE, la natura dei diritti a compenso degli artisti interpreti ed esecutori ed il meccanismo con i quali essi vengono raccolti e ripartiti dall’IMAIE e sono stati presentati i nuovi servizi di Note Legali legati all’attività dell’ente: il Servizio recupero compensi IMAIE e il Servizio gestione diritti a compenso IMAIE.

Notevole è stato in generale l’interesse suscitato dallo stand di Note Legali, quest’anno fatto insieme alla DOCServizi e al PopRockContest, con un grande afflusso di visite.
Insomma Note Legali cresce nel numero di associati, cresce nei servizi proposti al settore e contribuisce attivamente e in forma costruttiva al rinnovamento del settore.
Un risultato davvero invidiabile per una realtà nata solo due anni fa, che si autofinanzia con le quote dei propri soci.

Condividi

Autore