Nuovo incontro il 16 giugno a Roma per gli Amici della Musica

Gli Amici della Musica (coordinamento di numerose associazioni del settore come Audiocoop, Arci, SIAM-CGIL, COS, UNIONEARTISTI, ecc.) indicono una nuova riunione per lunedì 16 giugno, alle ore 14:00 presso la sede nazionale di Unimpresa, ubicata in Via Pietro Cavallini, 24 (primo piano) in Roma.

Il comunicato stampa recita: “Le Associazioni componenti gli Amici della Musica, convinte della necessità di accrescere l’area di consenso attorno alle iniziative promosse dal “Tavolo della Musica”. A tal riguardo, le Associazioni interessate si confronteranno per stabilire un percorso comune, che individui modalità e tempi di ingresso nel “Tavolo della Musica”, che si auspica possa concretizzarsi già nella giornata del 16 p.v.

In occasione di questo nuovo incontro saranno approfonditi i temi di attualità per il settore, con particolare riferimento al rafforzamento degli strumenti finalizzati alla promozione della musica italiana all’estero; l’approvazione della legge sulla musica; l’emanazione di una apposita legge che disciplini e tuteli il lavoro di tutte le figure professionali operanti nello spettacolo dal vivo; il varo del decreto attuativo per la fruizione degli sgravi fiscali per le produzioni musicali di giovani artisti; la modifica delle norme relative alla contribuzione Enpals nelle sale d’incisione; le agevolazioni Siae per i festival per emergenti, minori e territoriali, dedicati alla crescita e sviluppo della musica; l’abbattimento dell’Iva dal 20 al 4% sui supporti musicali (CD e DVD), nella produzione e nella distribuzione degli strumenti musicali; inserimento di una quota pari al 40% di musica italiana all’interno dei programmi Radio e Tv, con una quota destinata alla promozione dei giovani talenti; l’introduzione del diploma per tecnici del suono, illuminotecnica ed altre funzioni indispensabili per la realizzazione degli spettacoli; prevedere l’introduzione di una norma che consenta convenzioni formative fra le scuole pubbliche ed il mondo delle scuole di musica, coinvolgendo regioni, province, comuni e gli auditorium musicali italiani; riconoscere alla musica, compresa quella storica italiana, la possibilità di essere recepita nel curriculum formativo di base dei bambini dai tre anni di età fino alla scuola media superiore; la modifica della norme contenute nel “pacchetto sicurezza” che hanno introdotto il blocco delle vendite degli alcolici dopo le ore 02,00; la valorizzazione degli spazi della musica live e sperimentali, con la riduzione dell’Iva dal 20 al 10% per le esibizioni dal vivo.

L’obiettivo di fondo che anima i promotori del Coordinamento degli AMICI DELLA MUSICA, mira a tenere unite le forze (artistiche, culturali, tecniche e imprenditoriali) del settore, rafforzando la positiva attività svolta sino ad oggi dal TAVOLO DELLA MUSICA, continuando l’opera di semina che, unitamente al “Forum dello Spettacolo”, ha permesso nella scorsa legislatura di mettere a punto delle proposte di legge condivise sia dai Partiti di maggioranza che di opposizione, che l’interruzione anticipata della legislatura ha impedito di finalizzare. Ora occorre rilanciare l’azione ripartendo dal lavoro svolto”.

Fonte: Amici della Musica.

Condividi

Autore