Rapporto dell’IFPI sulla musica digitale: nel 2006 raggiunti circa i due miliardi di dollari di fatturato a livello mondiale

Le vendite di musica attraverso Internet e telefonia mobile sono piu’ che raddoppiate rispetto l’anno scorso, raggiungendo circa i due miliardi di dollari di fatturato e ricoprendo una fetta pari al 10% del mercato discografico globale. Questo e’ quanto emerge dal Digital Music Report 2007 diffuso ieri dall’IFPI – International Federation of Music Phonographic Industry documento che racchiude tutti i dati internazionali relativi al mercato della musica fruita attraverso la rete.
Il grande boom della musica digitale ha letteralmente trasformato il business delle case discografiche, le quali hanno stretto nuovi accordi commerciali con partner tecnologici ed avviato un forte processo di digitalizzazione dei propri cataloghi. Nel 2006 le canzoni disponibili in rete sono piu’ che raddoppiate rispetto l’anno precedente, raggiungendo quota 4 milioni; migliaia di album sono stati convertiti in formato digitale e resi disponibili nelle oltre 500 piattaforme legali localizzate in 40 Paesi. Tuttavia la crescita sostenuta della musica digitale non ha ancora compensto la crisi del mercato del compact disc, in calo costante ormai da cinque anni. In aggiunta la pirateria on-line rappresenta ancora una grave minaccia per lo sviluppo dei contenuti digitali musicali.
Nuove ricerche suggeriscono che le azioni legali su larga scala sono state nel 2006 circa 10 mila annunciate in circa 18 Paesi, tra i quali l’Italia – contro gli uploaders del P2P – hanno contenuto il fenomeno della pirateria riducendo il numero complessivo di chi utilizza internet per scaricare illegalmente musica. Ma questo non e’ sufficiente: e’ necessario che anche i services providers prendano coscienza del problema, anche eventualmente con azioni di tipo giudiziario.
Il Digital Music Report 2007 mostra anche come l’industria discografica sia ormai un combinato tra il business tradizionale e le nuove frontiere del digitale, anche sul fronte dello sviluppo e della promozione di nuova musica, tramite tutti i canali piu’ innovativi. Lo studio sottolinea anche la necessità  di un maggiore intervento da parte dei Governi e delle istituzioni per combattere la pirateria e tutelare maggiormente la proprietà  intellettuale.
Il documento redatto dall’IFPI presenta uno scenario completamente rinnovato del mercato discografico: accanto alle numerose piattaforme digitali, prima fra tutte i.Tunes, si sono infatti sviluppati nuovi modelli di distribuzione di musica che hanno permesso di aprire nuove opportunità  di business, come e’ successo per esempio con YouTube e Myspace nel campo dei video musicali o della telefonia mobile con le suonerie.
Nel primo semestre del 2006 la musica digitale in Italia ha raggiunto circa l’ 8% del mercato spinta in particolare dalla forte penetrazione della telefonia mobile.

Condividi

Autore