Regno Unito, pubblicato uno studio sulle violazioni on-line del diritto d’autore

Ofcom, l’autorità indipendente di regolazione e concorrenza per l’industria comunicazioni nel Regno Unito, ha condotto uno studio di monitoraggio sulle violazioni online del copyright nel Regno Unito, sulla base di una raccomandazione del 2011 della Hargreaves Review of Intellectual Property and Growth. Il rapporto è il frutto di una partnership con l’Intellectual Property Office britannico (UKIPO), e cerca di fornire una seria di dati più completa possibile per migliorare e creare la necessaria base concreta per le politiche contro la violazione online del copyright.
Alcuni interessanti risultati riguardo le persone di età superiore ai 12 anni nel Regno Unito sono:
– i volumi complessivi di contenuti illeciti consumati in linea varia per categoria. I volumi più alti riguardano il software (si stima che il 47% di tutti i prodotti software per computer consumati online siano stati ottenuti illegalmente), seguiti dai film (35%), musica (26%) e libri (12%);
– i motivi più comuni addotti per il download/stream/accesso illegale ai contenuti sono “perché è libero” (54%), “conveniente” (48%) e “veloce” (44%). Un quarto (26%) dei contraffattori ha detto che lo fa perché possono “provare prima di acquistare”;
– ciò che può incoraggiare a smettere di commettere le violazioni è la disponibilità di servizi legali più economici (39%), la disponibilità legale di tutti i contenuti cercati (32%) e più chiarezza tra ciò che è legale e ciò che non lo è (il 26% ).

Per ulteriori informazioni e per leggere il rapporto completo: http://stakeholders.ofcom.org.uk/market-data-research/other/telecoms-research/copyright-infringement-tracker/

Condividi

Autore

Avatar