Risultati eccellenti per il PopRock Monsters

Si è conclusa con un incredibile successo questa edizione del PopRock Monsters!
Quasi 30 ore di musica live, 12 ore di riprese televisive, 8 conferenze, 150 musicisti da tutta Italia, oltre 30 addetti del settore musicale, e migliaia di persone ad assistere alle ininterrotte esibizioni nel corso della manifestazione organizzata, con la collaborazione del Comune di Selvino, tra le splendide montagne bergamasche.
Tre giorni di concerti, provini, seminari con i big del music business italiano e molto altro. Gli incontri con Enrico Romano della EMI, Franco Zanetti di RockOL, Claudio Somazzi di SKYLIVE!, Umberto Labozzetta della Lab Promotion, Claudio Formisano della DISMAMUSICA e Fabio Marchei della rivista partner CHITARRE, sono stati un’ottima occasione di dibattito e confronto, mentre gli approfondimenti quotidiani del produttore artistico della manifestazione Massimo Varini e del presidente di Note Legali Andrea Marco Ricci sono serviti ad addentrarsi sempre più tra i percorsi della produzione musicale che toccherà ai vincitori. Un team affiatato ha reso impeccabili anche le esibizioni degli artisti che hanno suonato nei concerti serali: è stata energia pura quella scaturita dal concerto dei The Roker, entusiasmo e divertimento con i Santabarba e i Combomastas, adrenalina con Bruco e gli SOS mentre l’atmosfera è stata rilassata e suggestiva nel concerto di Massimo Varini. Decine di esibizioni live hanno portato all’individuazione degli ammessi alla fase finale di PopRockContest: Eucalipto, Madaleine, Il Dubbio di Davide, NèrA, Nouvert, Doctorcom, Giuseppe Scavone, Giampaolo Di Giovanni, Silvia Murello, Scilla, Ella, Agrado. Tutto è stato brillantemente moderato e condotto da Marco “Bruco”, autore e conduttore del format Sogno Ribelle, la parte televisiva del Contest. Ora l’appuntamento musicale è a Bologna il 12 settembre, quando i migliori 12 da tutta Italia suoneranno al Kememeo, un locale da 1000 posti, di fronte a tanto pubblico e tanti osservatori professionisti. Tutto per giocarsi l’opportunità di firmare un contratto di management e lavorare per tre anni ad un concreto progetto musicale e discografico.

Condividi

Autore