Indennità di discontinuità per i lavoratori dello spettacolo, Governo al lavoro

Si avvicina per il settore dello spettacolo il raggiungimento di un obiettivo fondamentale: il riconoscimento della natura “discontinua” delle professioni creativo-interpretative, e dell’importanza del tempo che intercorre tra le varie performance come un momento anch’esso lavorativo, dedicato alla preparazione, allo studio, alla formazione.

Nei giorni scorsi i relatori della legge delega in materia di spettacolo, i senatori Nunzia Catalfo e Roberto Rampi hanno infatti accolto la proposta di inserire l’indennità di discontinuità tra gli emendamenti: un provvedimento che riconosce la discontinuità professionale senza essere equiparato ad un’indennità di disoccupazione, erogato a dipendenti e autonomi senza limiti di reddito, in quanto considerato a tutti gli effetti una retribuzione aggiuntiva.

Un passo avanti è stato fatto verso un risultato storico: ora il Governo ha nove mesi di tempo per elaborare una proposta concreta per questa indennità, fortemente voluta dalle realtà di rappresentanza del settore, tra cui il Coordinamento delle Associazioni di Musicisti e il Forum Arte e Spettacolo, che l’hanno inserita fin da subito nelle proposte di riforma presentate alle Istituzioni nel corso del 2020, e inclusa nei disegni di legge depositati da Francesco Verducci e Matteo Orfini, frutto dei dialogo tra le diverse voci del settore.

Condividi

Autore

NoteLegali

Note Legali, Associazione italiana per lo studio e l'insegnamento del diritto della musica, è una associazione senza scopo di lucro nata con lo scopo principale di insegnare a musicisti, operatori del settore e appassionati, i diritti di chi fa musica. Fondata a Bologna nel 2006, è la più importante struttura no profit italiana di formazione e consulenza legale in ambito musicale, con associati di ogni regione e di ogni livello professionale.