Comunicato dei lavoratori IMAIE ai soci dell’IMAIE

Il comitato liberi lavoratori IMAIE (CLLI) ha recentemente diramato il seguente comunicato stampa, indirizzato ai soci IMAIE:

Cari Soci,
Vi scrive il Comitato dei Liberi Lavoratori IMAIE, riconosciuto ufficialmente dall’Assemblea dei Vostri Delegati, cui aderisce la maggioranza dei lavoratori.
Come Vi è noto il giorno 29 settembre 2008 è stata convocata l’Assemblea Generale dei Soci, per una informativa sull’attuale situazione dell’ente, “casualmente”, proprio in apertura della fase elettorale.
Il Presidente Edoardo Vianello, da poco eletto in sostituzione di Sergio Perticaroli, ha affermato di essere il Presidente di tutti, e noi ci abbiamo creduto e ci crediamo ancora…non per molto.
La triade sindacale sembra avercela messa tutta per distruggere la nostra azienda, e ci sta riuscendo, tanto che lo scioglimento dell’IMAIE è ormai una possibilità concreta.
In particolare, la Fistel-CISL, invece di svolgere attività a tutela dei lavoratori – NOI e VOI – ha preferito, pur di garantirsi la vittoria elettorale, seguire logiche clientelari e di potere, creando una profonda spaccatura all’interno degli artisti e degli organi collegiali dell’Istituto e mantenendo al potere un solo uomo, che insieme alla sua “corte” che da anni gli garantisce la poltrona, sembra avere la proprietà esclusiva dell’IMAIE. Tutti quelli che hanno osato “sabotare” il suo tesoro sono perseguibili, perché quello è solo suo e di nessun altro…
Con questo comunicato, vogliamo unire la voce di tutti gli Artisti Soci IMAIE che non accettano di assistere passivamente alla fine dell’Istituto per i privilegi da garantire ai pochi, con la condizione di noi dipendenti, divenuta insostenibile da quando è stata presentata la denuncia alla Procura della Repubblica di Roma (vedi “Il Messaggero” del 5 settembre 2008 pag.11)
“.

Il comunicato si chiude con l’invito a partecipare all’Assemblea generale dei soci che si terrà il 29 settembre 2008, ore 19, presso il Teatro Italia in via Bari n. 18, Roma.

Fonte: CLLI.

Condividi

Autore