Pirateria online, 345 milioni richieste di rimozione contenuti protetti nel 2014

Mentre negli USA infuria il dibattito sul Digital Millennium Copyright Act, il sito TorrentFreak ha pubblicato un articolo secondo cui, nel 2014, sono state 345 milioni le richieste di takedown inviate a Google da parte dei titolari di diritti.

Il numero è aumentato in modo esponenziale dal 2008, grazie anche all’utilizzo di aziende impiegate dalle etichette discografiche e dalle case di produzione per scansionare la rete ed inviare le richieste di rimozione per loro conto.

Di questi 345 milioni, 60 milioni sono stati emessi dal Regno Unito British Phonographic Industry, che rappresenta il settore della musica inglese. I domini soggetti al maggior numero di richieste, con oltre cinque milioni ciascuno, sono stati 4shared.com, rapidgator.net e uploaded.net.

Anche se Google ha iniziato a de-classificare i siti che sono noti per ospitare contenuti pirata, i titolari dei diritti ritengono che ci sia ancora un onere eccessivo per questo tipo di segnalazioni: nel caso di un sito come Rapidgator, ad esempio, ogni casa discografica deve emettere una richiesta di rimozione per ogni singolo caricamento, invece di inviarne una unica che potrebbe bloccare ogni ulteriore tentativo di caricamento.

Difficile prevedere se e quando si avranno modifiche al Digital Millennium Copyright Act. E’ certo però che fino ad allora il numero di richieste di rimozione inviato a Google è destinato ad aumentare progressivamente.

Fonte: Rockol

Condividi

Autore

NoteLegali

Note Legali, Associazione italiana per lo studio e l'insegnamento del diritto della musica, è una associazione senza scopo di lucro nata con lo scopo principale di insegnare a musicisti, operatori del settore e appassionati, i diritti di chi fa musica. Fondata a Bologna nel 2006, è la più importante struttura no profit italiana di formazione e consulenza legale in ambito musicale, con associati di ogni regione e di ogni livello professionale.