Il mercato discografico italiano cresce dell’1% nel primo semestre 2016

I dati acquisiti da Deloitte  per FIMI relativi al primo semestre 2016 attestano il superamento del digitale rispetto al supporto fisico in ambito nazionale.

Il digitale rappresenta oggi il 51%, dominato da un massiccio incremento dei servizi di streaming, che costituiscono il 40% del mercato totale e segnano una crescita del  51%.

Nel primo semestre del 2016, il fatturato ha registrato un aumento dell’uno per cento con 66,4 milioni di euro al sell in.

Sul fronte digitale continua la scalata dello streaming in abbonamento, (+68%), con servizi come Spotify, Apple Music, Deezer TIMmusic, contro il +19% dell’ad-supported di YouTube.

Complessivamente lo streaming ha fatturato 26,3 milioni e secondo i dati FIMI, la percentuale dei consumatori di musica che accede a servizi in streaming a pagamento è del 20%.

Forte prevalenza del repertorio italiano che rappresenta il 44% contro il 38% del repertorio internazionale (comunque in salita del 7% rispetto allo stesso periodo del 2015). Continua anche la corsa del vinile che, con un’ulteriore 43% di crescita, rappresenta oggi il 5% del mercato italiano.

Fonte: FIMI

Condividi

Autore

NoteLegali

Note Legali, Associazione italiana per lo studio e l'insegnamento del diritto della musica, è una associazione senza scopo di lucro nata con lo scopo principale di insegnare a musicisti, operatori del settore e appassionati, i diritti di chi fa musica. Fondata a Bologna nel 2006, è la più importante struttura no profit italiana di formazione e consulenza legale in ambito musicale, con associati di ogni regione e di ogni livello professionale.