Il nuovo programma musicale digitale. Benefici per l’Organizzatore

Dal 1° luglio 2016 la SIAE ha lanciato online il servizio “mioBorderò”, che permette la gestione, la compilazione e la riconsegna del Programma Musicale (da qui in poi PM) in modo completamente digitale. Si tratta di una grandissima novità richiesta da tempo e voluta da più parti, che presenta molteplici vantaggi in termini di velocità e praticità sia per i gestori dei locali che per gli artisti ma soprattutto, in termini economici, per gli autori ed editori delle opere eseguite: gli incassi relativi a ciascun evento per il quale vengono compilati e riconsegnati Programmi Musicali Digitali (da qui in poi PMD), vengono ripartiti in analitico, come indicato nella ordinanza di ripartizione della Sezione Musica 2016.

Vista la portata del cambiamento abbiamo ritenuto fosse utile dedicare un articolo divulgativo all’Organizzatore di eventi, in quanto rappresenta la figura senza la quale questa nuova procedura non può partire. Andremo dunque a vedere i passaggi da seguire per accedere ai servizi online e come funziona il “mioBorderò”, dal punto di vista dell’Organizzatore abituale, lasciando l’illustrazione delle funzionalità del “mioBorderò” dal punto di vista del musicista ad un altro articolo.

Innanzitutto, giova ricordare che il programma musicale (o borderò) è il documento (fino ad oggi unicamente cartaceo) che la SIAE fornisce all’Organizzatore in seguito alla richiesta del permesso per l’evento affinché, una volta compilato dal Direttore d’Esecuzione (cioè l’artista che si è esibito) venga riconsegnato alla società con l’elenco di tutte le opere che sono state eseguite durante la serata. La finalità del PM è quella di effettuare una ripartizione dei proventi da diritto d’autore tra gli aventi diritto delle opere eseguite il più possibile vicina all’effettivo utilizzo delle stesse.

Per un approfondimento sul come compilare correttamente il programma musicale e sulle sanzioni per la errata compilazione, potete dare un’occhiata a questo nostro articolo.

Era già possibile sul sito SIAE richiedere online il Permesso per Spettacoli e Trattenimenti tramite il Portale Organizzatori Professionali ed effettuare i relativi pagamenti, ma tutte le operazioni successive riguardo la compilazione del PM, seguivano la normale procedura cartacea. La grande novità invece è che dal 1° luglio è possibile gestire anche il Programma Musicale in modo completamente digitale, tramite il servizio “mioBorderò – Organizzatore”. Al momento della stesura del presente articolo, la possibilità di attivare i servizi online è data a tutti gli Organizzatori abituali (pub, locali…) oppure a chiunque organizzi un evento privato (matrimonio, compleanno…).

Le attività per cui prima era necessario recarsi presso uno sportello SIAE (come ad esempio, la richiesta del Programma Musicale o la riconsegna nei cinque giorni successivi all’evento), ora è possibile svolgerle comodamente seduti davanti al computer.

Ma andiamo per gradi e vediamo quali sono i vari passaggi da seguire.

Innanzitutto per avere accesso al servizio “mioBorderò” è necessario essere preventivamente abilitati al Portale Online: l’Organizzatore (o un suo delegato munito di apposita delega firmata e documento d’identità) dovrà recarsi un’unica volta per tutte, presso un ufficio SIAE e richiedere le credenziali d’accesso che gli saranno fornite in seguito alla sottoscrizione di un accordo. In questo accordo potranno essere inseriti i nominativi e i relativi contatti email di chi sarà autorizzato ad accedere ai Servizi Online e gestire le varie operazioni insieme all’Organizzatore. A questo link sul sito SIAE è possibile trovare tutte le informazioni necessarie per evadere questa pratica.

Una volta abilitati ai Servizi Online è possibile richiedere e ottenere il permesso per ogni evento organizzato; successivamente verrà creato in automatico dal portale il Programma Musicale Digitale riportante tutti i dati dell’evento (n° permesso, data, ora, locale, tipo…). È utile fare presente che non sono cambiati i modelli di programma musicale, sono sempre gli stessi tre (rosso, verde e blu) e variano in base alla tipologia dell’evento.

Seguendo la normale procedura l’Organizzatore si sarebbe dovuto recare nella sede o mandataria SIAE di riferimento per richiedere il permesso di pubblica esecuzione, eventualmente lasciando la cauzione richiesta, ritirare il programma musicale cartaceo da dare all’artista prima dell’evento e, successivamente, entro i 5 giorni successivi all’evento, riconsegnarlo allo stesso sportello. Questi adempimenti ora sono semplificati e effettuati tutti online.

L’assegnazione del PMD viene effettuata sul portale “mioBorderò: l’Organizzatore infatti potrà ricercare il Direttore d’Esecuzione tramite nome e cognome, indirizzo mail, nome del complesso o codice fiscale se già registrato al servizio “mioBorderò” oppure invitarlo a registrarsi.

Può ovviamente capitare e normalmente capita, che ci siano più artisti che si esibiscono all’interno dello stesso evento: in questo caso l’Organizzatore non dovrà fare altro che creare diversi PMD, che automaticamente avranno le stesse caratteristiche del programma originale ma numerazione differente e assegnarli ai vari Direttori d’Esecuzione.

Una volta che il Direttore d’Esecuzione avrà dato conferma della compilazione del PMD in forma digitale all’Organizzatore, questo dovrà a sua volta terminare la procedura attraverso il portale alla SIAE, sempre entro i 5 giorni successivi all’evento, selezionando il PMD “da riconsegnare” e confermando con l’apposito pulsante l’invio alla SIAE.

Il “mioBorderò” agevola tutte queste operazioni fungendo anche da promemoria e inviando notifiche tramite mail quando un Direttore d’Esecuzione riconsegna il PMD che gli era stato assegnato ed è quindi possibile trasmetterlo alla SIAE. Prima di questo ultimo passaggio è consigliabile controllare che il contenuto del PMD consegnato dal Direttore d’Esecuzione sia corretto, nel caso in cui si riscontrino delle inesattezze è infatti possibile non accettare il programma. Per eventuali anomalie che non è possibile correggere digitalmente (artista che accetta un PMD ma non si presenta ad esempio) è necessario scrivere all’ufficio territoriale SIAE di riferimento per trovare una soluzione specifica.

Se ci fossero degli imprevisti all’ultimo minuto è possibile per l’Organizzatore annullare l’assegnazione e modificare il Direttore d’Esecuzione prima che questo abbia accettato il PMD; in questo caso il programma musicale tornerà automaticamente nella sezione “da assegnare” e basterà individuare il nuovo Direttore d’Esecuzione come già visto in precedenza.

È sempre possibile per l’Organizzatore avere una visione completa di tutti i PMD in quanto il portale “mioBorderò” è strutturato come un archivio diviso nelle sezioni “da assegnare” per i programmi non ancora inviati all’artista, “da riconsegnare” per quelli compilati e inviati dai Direttori d’Esecuzione e infine “riconsegnati”, dove vengono spostati in automatico i programmi musicali una volta che l’Organizzatore li ha trasmessi alla SIAE.

Trattandosi di una recentissima novità ancora in via di sperimentazione e aggiustamento, consigliamo a tutti gli organizzatori professionali di recarsi presso lo sportello SIAE di riferimento per richiedere assistenza in merito. Se avete suggerimenti su aspetti da migliorare o nuove funzionalità da implementare vi consigliamo di scrivere all’indirizzo MB.musica@siae.it.

Suggeriamo fortemente, l’utilizzo di questa nuova modalità che semplifica i rapporti tra l’utilizzatore e SIAE, agevola l’attività di compilazione da parte dell’esecutore e garantisce agli aventi diritto una ripartizione analitica e puntuale dei proventi da diritto d’autore.

Condividi

Autore

Emanuela Teodora Russo

Avvocato, si dedica allo studio del diritto d'autore e dello spettacolo. In Note Legali svolge attività di consulenza e redazione articoli